Analisi fattibilità e simulazione
simulazione

Per ogni particolare nuovo richiesto da un cliente viene eseguito un esame preventivo di fattibilità che si realizza con:
Valutazione delle possibilità di fornitura delle quantità richieste.
Esame della possibilità tecnica di realizzazione del pezzo
Determinazione delle attrezzature necessarie: modelli, casse d’anima, tipo di placca, eventuali attrezzi per assemblaggio di anime e controlli.
Se richiesto dal cliente affidiamo  ad un modellista il disegno affinché elabori un preventivo tecnico-economico.

Lo studio e lo schizzo del sistema di colata e di alimentazione viene eseguito con il supporto del  programma di simulazione in 3D SOLID CAST

Prima della produzione dei lotti viene sempre eseguita una campionatura;  tale processo viene registrato in tutte le sue fasi per poi essere sottoposto al benestare del responsabile qualità.

Produzione anime
carrello anime collettori

Le anime sono elementi in sabbia agglomerata necessari per realizzare le parti del getto non ottenibili per sformatura diretta dal  modello.
La maggior parte delle anime che vengono utilizzate nel processo produttivo sono prodotte internamente secondo diversi processi:
- anime in sabbia e resina a freddo (cold box) 
- anime a guscio ottenute con sabbie prerivestite in cassa d'anima calda (croning)
- anime a freddo ottenute con sabbia e resina furanica
- anime in sabbia e olio con cottura in stufa
La produzione anime con il processo Cold Box viene realizzata con 4 macchine spara anime Primafond e 1 macchina Hansberg mentre 3 macchine PGM lavorano per il processo Croning.  Alcune anime particolari possono essere acquistate da un produttore esterno.

Formatura
Remolaggio

La formatura a verde  avviene con processo meccanizzato che utilizza 1 impianto a motta e 1 impianto a staffa. La “terra verde” è costituita da  sabbia, nero minerale  e bentonite. Le caratteristiche fisiche e meccaniche della terra verde sono costantemente tenute sotto controllo da un sistema di rilevazione automatica dei dati e del conseguente realizzo delle correzioni necessarie.

Fusione e colata
colata-dettaglio

La fusione della ghisa avviene in un forno rotativo ad ossicombustione della capacità di 8 t; la ghisa liquida viene spillata dal forno ed immessa in un  forno elettrico della capacità di 12 t che fa da polmone tra l'impianto fusorio e gli impianti di formatura. Durante l’operazione di travaso vengono effettuati  controlli analitici per verificare che i parametri di processo corrispondano a quelli programmati e realizzate le eventuali correzioni.
Il forno elettrico ha anche lo scopo di mantenere in temperatura o, se necessario,  surriscaldare la ghisa che sarà colata nelle forme.

Il  metallo fuso viene colato nelle staffe manualmente con piccole siviere sospese a monorotaie. Per la produzione di getti in ghisa a grafite lamellare il metallo viene travasato dal forno elettrico  alle siviere di colata, inoculato e quindi immesso nelle forme.
Per la produzione di  getti in ghisa a grafite sferoidale il metallo viene travasato in una siviera di trattamento. Al termine del trattamento il metallo viene travasato nelle siviere di colata inoculato e immesso nelle forme.

L’ultima fase è la distaffatura cioè l’estrazione della motta colata dalla staffa e la separazione dei getti fusi dalla terra su griglie vibranti. La terra è convogliata all’impianto di rigenerazione ed i getti sono raccolti in  contenitori per l’inoltro alla smaterozzatura e alla granigliatura.

Finitura
sbavatura

 Il processo di FINITURA comprende :

• La SMATEROZZATURA distacco delle colate e degli alimentatori  dal pezzo.
• La GRANIGLIATURA : processo  meccanico di pulitura dei pezzi dalla terra,  attraverso microsfere d’acciaio lanciate ad alta velocità.
• SBAVATURA asportazione meccanica di bave dai getti eseguita mediante mole di vari tipi.


Gli impianti attualmente in dotazione sono 1 granigliatrice Banfi, 2 granigliatrici Pangborn, 2 molatrici doppie Simpson ed attrezzi elettrici portatili. In questo reparto inizia la selezione dei particolari non conformi che vengono isolati per essere poi classificati in base alla tipologia di scarto dall’addetto al controllo.

CONTROLLI

Prima della consegna ogni pezzo viene sottoposto al controllo visivo o a particolari prove di idoneità.
I pezzi prodotti, una volta controllati, vengono pesati e imballati secondo gli accordi presi con il cliente e conservati in luogo coperto fino al momento della spedizione.

Controllo sul metallo fuso
anali thermocheck

Strumentazione: Spettrometro SPETRO – Thermocheck II

Per ogni colata di ghisa a grafite lamellare viene eseguita l'analisi sul metallo spillato dal forno rotativo e dal forno elettrico.

Per ogni colata di ghisa a grafite sferoidale l'analisi viene eseguita sul metallo spillato dal forno rotativo, dal forno elettrico e prelevato dalla siviera di colata, dopo il trattamento di sferoidizzazione.

Tutti i dati sono registrati ed archiviati. Ogni fusione infatti viene identificata con una sigla alfanumerica e quindi immediatamente rintracciabile.

Controllo di durezza
durometri - laboratorio analisi

Strumentazione: durometro Afri – durometro Galileo – durometro Maccani – Sistema Poldi

La durezza Brinell del materiale utilizzato per la colata dei getti, viene controllata e registrata su ogni fusione; tale verifica viene eseguita, quando necessario, anche sui pezzi prodotti.

Controllo - ultrasuoni
controllo ultrasuoni

Strumentazione: misuratore di velocità ultrasuoni Krautkramer – Branson – strumento controllo ultrasuoni Gilardoni

La tecnica degli ultrasuoni viene utilizzata sia per la ricerca dei difetti occulti sia, attraverso la misura della velocità, per il controllo della sferoidizzazione.

I controlli con lo strumento ad ultrasuoni sono eseguiti nei seguenti casi: esame dei getti campione prima del benestare interno, richiesta del cliente, particolari “di sicurezza” e ogni qual volta si ritenga utile o venga richiesta una verifica specifica.

Controllo metallografico
microscopio metallografico

Strumentazione: microscopio metallografico Nikon

L'osservazione al microscopio di provini di materiale permette di controllare la struttura del materiale prodotto verificando la corrispondenza alle esigenze espresse dal cliente.

Lo strumento ha la capacità di inviare le immagini digitali ad un pc permettendo l'archiviazione delle foto e il successivo inoltro al cliente che ne ha fatto richiesta.

Controllo con liquidi penetranti e prove distruttive

Prove distruttive sezionando il pezzo sono normalmente eseguite in fase di campionatura.

Controllo visivo e classificazione scarti

Tutti i prodotti prima di essere pesati e imballati per la spedizione vengono controllati visivamente. Tutti i prodotti non conformi vengono isolati in apposite aree e poi classificati in base alla tipologia di difetto riscontrata. La registrazione degli scarti permette di attuare piani di miglioramento aziendale sia di tipo correttivo che preventivo.

Imballaggio e spedizione
imballaggio

L’imballaggio dei pezzi viene fatto concordando con il cliente le modalità ed eventuali costi aggiuntivi.